IL CORRETTO APPROCCIO AL GUINZAGLIO

La prima domanda che dobbiamo porci è: è corretto far interagire due cani mentre sono al guinzaglio?

Come regola generale no, e vediamo il perché.

In primis, perché al guinzaglio due cani non sono liberi di comunicare in maniera corretta, proprio perché legati: più i cani sono limitati nei movimenti, più è facile che nasca un conflitto.

Da liberi, invece, i cani possono mettere in atto tutta una serie di comunicazioni e, se vogliono, mantenere delle distanze maggiori ed una prossemica adeguata.

Il guinzaglio, soprattutto se teso, non solo impedisce i movimenti, ma a volte blocca o influenza la comunicazione.

Inoltre, quando siamo a passeggio col nostro cane abbiamo davvero la necessità di farlo interagire con tutti i cani che incontra? Considerando che spesso sono cani sconosciuti, con cui avrà a che fare sì e no 5 minuti, e che poi verrà portato via magari proprio nel momento in cui iniziava a divertirsi?

Pensate se noi andassimo una mattina al mercato e salutassimo tutte le persone che incrociamo: forse ci prenderebbero per matti!

Un altro errore comune è quello di pensare che far conoscere due cani al guinzaglio sia sinonimo di socializzazione: niente di più sbagliato. Socializzare, per il cane, significa imparare a conoscere quello che lo circonda. L’obiettivo della socializzazione è quello di dare al cane le competenze per condurre un’esistenza serena e adeguata al contesto umano e urbano in cui vive. Non significa, pertanto, conoscere tutti i cani che incontra quando è in passeggiata.

Non sempre, però, abbiamo la possibilità di far interagire i cani da liberi, in un’area sicura e recintata.
A volte capita di doverli o volerli far conoscere mentre sono al guinzaglio; altre volte è difficile non farli avvicinare soprattutto per chi abita in città.

Vediamo quindi come far sì che questa interazione avvenga nel modo più corretto possibile.

La premessa da fare è: se al nostro cane non va di conoscere un altro cane, non dobbiamo costringerlo. Gli incontri forzati possono causare ansia e stress, e alla lunga portare a delle reazioni anche aggressive.

Come noi, anche i cani hanno preferenze ed antipatie: non devono per forza giocare con tutti, anzi, dobbiamo dar loro la possibilità di evitare i soggetti con i quali non vogliono avere a che fare.

Seconda premessa: sfatiamo il mito che i cani di sesso opposto vanno sempre d’accordo, mentre quelli dello stesso sesso no. E così vediamo per strada persone che, da marciapiedi opposti, si urlano “è maschio il suo?”, come se questo pregiudicasse un’eventuale conoscenza.

Impariamo a conoscere e guardare i cani come individui, a prescindere dal sesso, età o razza.

Non fidiamoci di quello che ci dicono gli altri proprietari: “il mio è buono con tutti” è una delle frasi più gettonate quando siamo in passeggiata. Impariamo ad osservare i cani, e come si comportano. Non esistono cani che vanno d’accordo con tutti a prescindere, e non per questo dobbiamo etichettare un cane come buono o cattivo.

Immaginiamo di essere al guinzaglio col nostro cane e di incrociare un altro proprietario col suo, senza riuscire ad evitare l’incontro: cosa fare?

Il guinzaglio deve essere morbido, il proprietario ed il cane rilassati. Quando si incontreranno, i cani avranno bisogno dello spazio necessario per potersi conoscere, ovvero per annusarsi il posteriore, gli angoli della bocca, le orecchie.

I proprietari dovranno assecondare questi movimenti, muovendosi in modo parallelo ai cani, senza creare tensione nel guinzaglio.

Se possiamo prevedere l’incontro, la cosa ideale da fare è fermarsi con i cani ad una distanza di sicurezza, con il guinzaglio lento ed il cane in attenzione su di noi. Poi, con dei movimenti circolari, ampi e mai diretti, andremo a scambiarci di posto con l’altro proprietario, senza far ancora avvicinare i cani: in questo modo avranno la possibilità di annusare il posto dov’è stato l’altro cane, ed i feromoni che ha rilasciato nell’ambiente. Se i cani sono sereni, a questo punto possiamo farli entrare in contatto, sempre compiendo dei movimenti circolari: vedremo che l’interazione sarà più pacata, tranquilla e meno frenetica.

Ricordiamoci sempre che il modo migliore per fermare una rissa è prevenirla!

 

Il Centro Cinofilo Dog Galaxy offre percorsi personalizzati, che prevedono socializzazioni ed interazioni corrette con gli altri cani, anche tramite puppy class, incontri collettivi al guinzaglio e passeggiate educative.

Il video YouTube delle attività educative in contesto sociale:

https://www.youtube.com/watch?v=5ch6NU8teyU

Contattaci per qualsiasi informazione, il primo colloquio è sempre gratuito!
Dog Galaxy Centro Cinofilo, V.le Roma 396 Forlì – 347/9632605 – www.doggalaxy.itinfo@doggalaxy.it

Riproduzione riservata

Scroll to top